Adesso al Museo - Museo dei Cappuccini Genova

Museo
dei CAPPUCCINI
Genova
MUSEO dei CAPPUCCINI Genova
Vai ai contenuti

Adesso al Museo

“Il presepe di Francesco”
800 anni dal primo presepe di Greccio

Il 2023 è l'anno in cui si celebra la ricorrenza degli otto secoli dalla prima raffigurazione della Natività che San Francesco ha realizzato a Greccio, una piccola cittadina a pochi chilometri da Rieti.
A 800 anni dal primo Presepe della storia, la tradizione si tramanda nelle case e nelle comunità, racchiudendo in sé un messaggio di speranza e di pace che non sbiadisce.
Le Fonti Francescane descrivono il desiderio che nacque nel cuore di San Francesco nelle settimane precedenti al Natale del 1223: “Vorrei rappresentare il Bambino nato a Betlemme, e in qualche modo vedere con gli occhi del corpo i disagi in cui si è trovato per la mancanza delle cose necessarie a un neonato, come fu adagiato in una greppia e come giaceva sul fieno tra il bue e l’asinello”.
Il museo dei Cappuccini, inserendosi nelle celebrazioni dei Centenari Francescani, ha ideato la mostra “Il presepe di Francesco. 800 anni dal primo presepe di Greccio” curata da Daphne Ferrero e Luca Piccardo, per raccontare la storia del presepe e far conoscere più da vicino il suo “inventore” San Francesco d’Assisi.
A guidarci per mano alla scoperta di Francesco, il Santo più famoso al mondo, troveremo tanti maestri della pittura ligure del Cinque e Seicento per celebrare i Centenari francescani che ci accompagneranno per il prossimo triennio. Orazio De Ferrari e Giovanni Battista Casoni presentano il 1223 con la Regola e il presepe di Greccio; Bernardo Strozzi e Anton Maria Maragliano il 1224 e l’imposizione delle Stimmate sul monte La Verna; Giuseppe Palmieri e altri artisti il 1225 con il Cantico delle Creature e il 1226 con il viatico di Francesco.
Attraverso tipici oggetti di artigianato conventuale, antichi volumi e manoscritti, tra i quali spicca una splendida Bibbia Sacra col commento di san Girolamo del XIII secolo, coeva a san Francesco comprenderemo meglio la sua scelta di vita, così semplice e al contempo così rivoluzionaria.
Un focus particolare dell’esposizione è dedicato agli allestimenti presepiali.
Un allestimento con statuine in terracotta dell’artista Mario Cenere presenta le radici francescane del presepe, qui giocosi frati in mezzo ai pastori celebrano la nascita di Gesù. Il secondo racconta la tradizione genovese del presepe nella sua interpretazione settecentesca: i manichini lignei abbigliati della rinomata scuola di Anton Maria Maragliano, impreziositi da tessuti e accessori originali, rappresentano uno spaccato della società genovese, che ci permette oggi di comprendere usi e costumi della Genova barocca.
Come da nostra tradizione non mancherà di stupire grandi e piccini il presepe meccanico. Costruito a partire dagli anni 30 del ‘900 dall’artigiano Franco Curti, considerato oggi uno dei più antichi d’Italia nel suo genere. Realizzato in circa 12000 ore di lavoro, si sviluppa in 40 m2 con oltre 150 personaggi in movimento, cadute d’acqua, cambi di luce. Ancora oggi conserva i suoi meccanismi originali realizzati a mano e azionati dalle cinghie di cuoio delle vecchie macchine da cucire a pedale.
Museo dei Cappuccini di Genova
Viale IV Novembre 5, 16121 Genova
(ingresso da Via Bartolomeo Bosco)
 
Telefono: +39 010 8592759
email: info@bccgenova.org
 sito internet: www.bccgenova.it

Compila per iscriverti alla nostra Newsletter

* indicates required
Torna ai contenuti